martedì 29 aprile 2014

[IL MIGLIOR PRODOTTO DELLA PRIMAVERA 2014] OLIO RIVITALIZZANTE KHADHI

Da quando ho aperto il blog e iniziato ad usare esclusivamente cosmetici ecobiologici, mi capita spesso di provare prodotti davvero buoni. Raramente ho scarsi risultati, ma se ciò avviene, c'è di solito un motivo (es. crema non adatta al periodo o al mio tipo di pelle, balsamo non specifico per i miei capelli ecc.); ecco perché quando "incontro"  un prodotto che "fa la differenza" e spicca tra gli altri, lo eleggo a migliore della stagione. In realtà, l'Olio rivitalizzante Kadhì lo uso già da tre mesi, ma ho aspettato a recensirlo perché volevo testarlo nel lungo periodo per essere più dettagliata possibile. Tuttavia ho iniziato a notare i risultati alla fine del primo mese di applicazione costante.




Punto di partenza: capelli sottili, sfibrati, con significativi e preoccupanti vuoti tra le ciocche. Ho eliminati i siliconi da quasi due anni, da oltre un anno e mezzo uso esclusivamente shampoo e balsami ecobio certificati. Faccio henné da due anni. Ho inizato l'applicazione di questo olio il 27 gennaio: i miei capelli, in quella data, erano sottili ma meno radi; tuttavia ne perdevo a pugni, sia durante lo shampoo che a ogni spazzolata.
Vi descrivo intanto il prodotto: si tratta di un mix di oli di piante curative ayurvediche dalle proprietà stimolanti e rivitalizzanti. 
Ho notato che l'Inci che trovate su alcuni e-commerce è diverso da quello presente sulla mia confezione, che è molto più ricco...
Gli ingredienti sono*:
  • Sesamum Indicum Oil: olio di sesamo, ricco di vitamina A, vitamina E e vitamine del gruppo B, favorisce la circolazione del sangue ed è un ottimo alleato contro la forfora.
  • Cocos Nucifera Oil: l'amatissimo olio di cocco, ricco di vitamina E, è un ristrutturante efficacissimo per capelli secchi e sfibrati.
  • Ricinus Communis Oil: olio di ricino, vero toccasana per capelli, unghie e ciglia. Supporta la crescita dei capelli in quanto stimola il follicolo pilifero.
  • Eclipta Alba: pianta di Bringaraja o Bhangra da cui si estrae un olio che dà lucentezza e salute ai capelli favorendone la ricrescita e stimolando la circolazione del sangue.
  • Bacopa Monniera: dal piccolo rampicante Brahmi, ricco di alcaloidi Brahmine e herpestine e di vitamina C, utilizzato nella medicina ayurveda da oltre 3.000 anni, si ricava un olio che nutre le radici e il cuoio capelluto. Contrasta la caduta dei capelli, la forfora e la calvizie precoce.
  • Sida Cardifolia: conosciuta come Bala, che appartiene alla famiglia della Malva, rinforza le radici e dà vitalità alla chioma.
  • Butea Monosperma: o Palasa, considerata una pianta sacra nell'Induismo, dal cui fiore si ricava un olio usato tradizionalmente per curare la cute secca o desquamata e rinforzare i bulbi del capello.
  • Trigonella Foenum Graecum: nome comune Fieno Greco o Methi, i cui principi attivi sono Vitamine del gruppo B, acido ascorbico, alcaloidi (trigonellina), nicotinamide, flavonoidi, sali di calcio e ferro, mucillagini, lecitina, fosfolipidi; ha proprietà antiossidanti, stimolanti, ristrutturanti; contrasta la caduta dei capelli, le infezioni della cute e la forfora.
  • Abrus Precatorius: è un arbusto della famiglia delle leguminose, i cui semi contengono un olio che favorisce la crescita dei capelli.
  • Emblica officinalis: meglio conosciuta come Amla, è la pianta più nota per la cura dei capelli (ma non solo). Ha un altissimo contenuto di vitamina C e di tanniti. Antiossidante, protegge la chioma dall'incanutimento e ne previene la caduta.
  • Citrullus Colocynthis Seed Oil: o Indrayan, rinforza le radici e sostiene la crescita dei capelli.
  • Rosmarinus Officinalis Essential Oil: olio essenziale di rosmarino, purificante e antinfiammatorio, stimola i follicoli dei capelli e regolarizza le secrezioni sebacee.
  • Daucus Carota Seed oil: olio di semi di carota, ricco di viamina A e beta-carotene, dà nutrimento alla chioma.
  • Tocopherol: antiossidante
  • Cinnamomum Canfora: o Karpoor, contrasta la forfora e la caduta dei capelli.
  • Onosma Ispidum: le sue foglie sono usate come colorante nella preparazione di oli e preparati medicinali. 
  • Linalool: allergene del profumo.
  • Limonene: allergene del profumo.

* Alcune notizie sulle erbe e le loro proprietà sono tratte da siti sparsi nel web.

Come avrete notato, si tratta di una vera bomba di oli dalle proprietà rinforzanti e ristrutturanti! 
Veniamo al suo utilizzo: dopo aver spazzolato i capelli, con uno spruzzino li inumidisco soprattutto sulle lunghezze (uso sempre gli oli su capelli umidi). Agito energicamente la confezione di olio Khadì, ne verso un po' sulle mani e lo massaggio per un paio di minuti sul cuoio capelluto, facendo attenzione alle zone in cui soffro di maggiore diradamento (laterale sopra le tempie e centrale in alto). Ne verso un altro po' sulle mani e lo distribuisco sulle lunghezze. Per quanto riguarda le dosi non ho una quantità esatta, faccio un po' a caso finché non sono unti per bene. Non abbiate timore di aver esagerato: ho la cute grassa ma questo olio dopo lo shampoo non lascia i capelli appesantiti né la sensazione di cute "sporca", anzi, direi più di "freschezza". Ho letto che sarebbe bene avvolgere i capelli su un asciugamano umido, ma poiché li inumidisco precedentemente e temo per la cervicale, faccio solamente una coda o li raccolgo con una pinza. Per quanto riguarda i tempi di posa, sulla confezione è indicato da mezz'ora a tutta la notte. Io vado da un minimo di un'ora ma cerco di lasciarli in posa il più tempo possibile. Mai usato durante la notte. Successivamente procedo con shampoo, balsamo e asciugatura. L'odore a me piace, è balsamico, erboso, ma alcuni lo trovano sgradevole. L'effetto più immediato è un capello lucido, disciplinato, senza l'effetto crespo. 
Già dopo un mese ho notato meno capelli sulla spazzola e in doccia. A distanza di tre mese i capelli sono raddoppiati e noto i ciuffetti che spuntano pazzarelli sull'attaccatura; sono più spessi, elastici, forti. Su di me i risultati sono stati tangibili ed evidenti. Lo stra-consiglio, e non ho nessun motivo di mentirvi. Aggiungo però un'importante accortezza: la costanza. Facendo lo shampoo tre volte alla settimana, lo applico due volte e intervallo una pausa (olio-non olio-olio, tanto per capirci).  
Ho acquistato la confezione di olio rivitalizzante Khadi da 210ml su Eccoverde, e l'ho pagata 13,99 euro. Dopo tre mesi non è arrivato neanche a metà confezione. Mai soldi spesi meglio! 
Mi rendo conto di aver scritto un articolo lunghissimo (spero di non aver tralasciato nulla), ma desideravo in tal modo aiutarvi con la mia esperienza perché capisco che i capelli sono anche un biglietto da visita 'sociale'; avere una chioma forte e fluente aiuta, a volte, a sentirsi più sicuri. 

Baci alla prossima :)