martedì 18 giugno 2013

IL CINESE CHE NON SA DI FRITTO

Qualche sera fa ho cenato in un ristorante cinese/giapponese/thailandese che avevo scoperto per puro caso vagando per le vie assolate di Catania. A onor di cronaca devo ammettere che nonostante la moda dilagante e per me del tutto inspiegata, non sono una fan del sushi né del cibo cinese. Tuttavia al Chan Sushi Bar ho trovato un ambiente rilassato, luci d'atmosfera, arredamento moderno curato nei dettagli, con bagno in stile "giardino zen". Il personale è cortese, numerosissime voci nel menù, che comprende sushi, piatti giapponesi, cinesi e thailandesi (ma hanno anche una ricca lista di cocktail). Appena riesci a districarti tra le infinite pietanze riuscendo a ordinare, ti portano un cestino con le famosissime nuvolette di gamberi da sgranocchiare nell'attesa, che tuttavia è stata piuttosto lunga perché il locale era pieno. Abbiamo ordinato (in due) Hosomachi vegetali (6 pezzi, 4 euro) e Huramaki kunsei con dentro avocado e salmone affumicato (9 pezzi, 11 euro). 
Buonissimo il cosmopolitan con succo di mirtillo.

Il Chan Sushi Bar si trova a Catania, in via Imbriani 207.