mercoledì 30 ottobre 2013

PARLIAMO DI HENNÈ? LA MIA ESPERIENZA, PART.3 E ULTIME APPLICAZIONI: ZARQA, PHITOFILOS, LE ERBE DI JANAS

Buona giornata a tutte/i! Come promesso, questa è la terza parte della mini rubrica sull'henné, in cui vi parlerò delle marche da me usate e vi mostrerò anche qualche risultato.

Inizio col dire che il colore di partenza, naturale, dei miei capelli, era castano scuro, un po' più chiaro sulle tempie e riflessi leggermente ramati alla luce diretta del sole.

Ho applicato per la prima volta l'henné circa due anni fa, precisamente lo Zarqa, acquistato in un negozio etnico a 0,99 cent. 100gr. (nel frattempo è arrivato a 1,30 euro)

Ho usato solo questo per oltre un anno e mezzo, ogni mese e mezzo circa nei periodi invernali, ogni mese in quelli estivi. Alla fine di questa estate i capelli erano così (scusate ho solo questa foto in cui si nota male il colore):

Henné Zarqa
Reputo lo Zarqa molto buono, colora molto e non ha sabbia (è un henné per i tatuaggi), nonostante sia economico. Lo lascio ossidare 12 ore ma lo preparo solo con acqua calda. Il colore è caldo, dopo l'applicazione è rosso ramato intenso, dopo qualche giorno vira sul mogano. L'uso prolungato mi ha scurito i capelli, ma ho appreso che è normale e che ciò avviene con l'henné in generale.
Il 4 settembre ho applicato l'henné Phitofilos miscela robbia, pagata 10,90 euro (150 gr.) e acquistato su Ecobelli.it. 
Nell'Inci il Lawsonia è al terzo posto; al primo c'è la robbia seguita da rabarbaro. Presente anche la cassia. L'ho preparato con acqua calda e 3 cucchiai di aceto di mele, lasciato riposare per un'ora e mezza (poiché ci sono anche altre erbe che non necessitano di ossidazione), lasciato in posa 3 ore e mezza e lavati con poco Splend'or.
Henné Phitofilos miscela Robbia
Dopo l'asciugatura, ho avuto l'impressione che abbia smorzato i riflessi ramati che avevo, come se mi fossi avvicinata al mio colore originario. Non so se si nota, ma i riflessi virano quasi al rosato. 
Henné Phitofilos miscela Robbia
Con diverse applicazioni il risultato sarebbe stato diverso: ho visto infatti che straordinario colore ha ottenuto Barbara di Ingredienti Cosmetici-Inci!
Avendo altre due confezioni, la prossima volta voglio sperimentare un mix di 30% Zarqa e 70% Phitofilos; inoltre mi alletta anche la miscela con la camomilla, che prenderò quando vorrò schiarire.

Infine, il 18 ottobre ho applicato per la prima voltà l'henné di Le erbe di Janas, precisamente quello Ayurvedico, che presenta al suo interno, oltre al Lawsonia (al primo posto), Amla, Shikakai, Rheeta, Brahmi, Maka, Kapoor, Neem, Indigo, scorze d'arancio, un mix rigenerante per rinforzare i debolissimi capelli (complice l'autunno, ne perdo a quintali). 

L'ho acquistato nel negozio Thymiama di Bologna e pagato sui 5 euro (100gr.) perché la simpatica titolare mi ha fatto uno sconticino consistente sugli acquisti. 
Preparato con acqua calda e aceto di mele, lasciato in posa 3 ore e mezza, sciacquato e applicato pochissimo balsamo. Ecco i risultati:
Henné Ayurvedico Le erbe di janas


Henné Ayurvedico Le erbe di Janas
Il colore è intensissimo e rimane rosso ramato anche dopo qualche giorno quando si stabilizza. Il giorno dopo l'applicazione i capelli erano secchi e gonfi. Tuttavia il risultato meraviglioso l'ho notato con gli shampoo successivi: i capelli erano di seta! La nota negativa è il fatto che scarica molto: ho praticamente macchiato tre asciugamani. 
Vi lascio i link delle puntate precedenti :)
Parliamo di Henné? La mia esperienza, part.1

Parliamo di Henné? La mia esperienza, part.2: guida alla preparazione

Un caro abbraccio a tutte/i e alla prossima! :)